Leadership e management a confronto, qual è la differenza?

Fotografia del viso della collaboratrice Julia MartinsJulia Martins30 marzo 20219 minuti di lettura
facebooktwitterlinkedin
Leadership e management a confronto, qual è la differenza?
Prova Asana ora

Sei leader o manager? Come fai a decidere? Qual è la differenza, e perché è importante saperlo?

Spesso fondiamo la leadership col management. La maggior parte di noi usa i due termini in modo intercambiabile con poche conseguenze. Quando parliamo di leader, solitamente intendiamo manager, e quando parliamo di manager, pensiamo che siano leader. Tuttavia, nonostante la stessa persona possa essere entrambe, non è detto che necessariamente lo sia.

I bravi manager non devono essere grandi leader, e alcuni leader potrebbero non essere tecnicamente dei "manager". Ma per avere una buona azienda e un ottimo team, servono entrambi. In qualità di manager, puoi supportare i membri del team durante il lavoro quotidiano e stimolarli a portare a termine un lavoro di qualità. In qualità di leader, puoi condividere il quadro generale in modo che i membri del team possano accettare la visione generale dell'azienda. Entrambe le posizioni sono fondamentali per avere un team efficiente e un luogo di lavoro collaborativo.

Che tu sia manager, leader, o entrambi, imparare a capire le differenze tra i due ruoli ti può aiutare a sviluppare le competenze necessarie per ognuno. In questo articolo, ti aiuteremo a comprendere i concetti di leadership e management per obiettivi, individueremo le affinità tra i ruoli e evidenzieremo in che modo differiscono tra loro.

quotation mark
Un manager ha un ruolo operativo: deve definire e valutare le priorità, adottare, abbandonare e controbilanciare decisioni e altre responsabilità simili. Un leader è più che altro un coach o addirittura una guida spirituale. Deve mantenere l'energia e la motivazione del team, aiutarlo a crescere e assicurarsi che tutti siano sulla stessa lunghezza d'onda. Un leader deve essere un punto di riferimento nei momenti di cambiamento.”
Dustin Moskovitz, cofondatore e CEO, Asana
Leggi: Dustin Moskovitz condivide le sue lezioni sulla leadershipProva Asana per i manager

Le capacità di leadership più importanti

I leader efficaci aiutano a guidare l'azione nella giusta direzione e sanno come condividere gli obiettivi e ispirare le persone a considerare il quadro generale. I leader non solo sognano dove vogliono arrivare, ma guidano fungendo da esempio per motivare i membri del team lungo il percorso. Se pensi all'azienda come a una nave, i leader sono quelli che ne decidono la rotta, le persone che guardano all'orizzonte.

Di seguito troverai un elenco delle qualità fondamentali di un leader.

  • Motivazione. I leader forti motivano il team a raggiungere risultati impossibili. Condividono la loro energia e il loro entusiasmo col gruppo per raggiungere obiettivi che non avrebbero potuto raggiungere da soli.

  • Creatività. I buoni leader pensano fuori dagli schemi e mettono in discussione lo status quo. I leader non si concentrano solo sulla propria creatività, ma supportano e stimolano anche quella dei membri del team.

  • Mentoring. Uno dei cardini della leadership è aiutare il team a raggiungere il proprio potenziale massimo. È possibile farlo facendo da coach e guidando i membri del team, invece che indicare e assegnare le attività da svolgere.

  • Problem solving. Il problem solving è un'abilità importante a qualsiasi livello del processo decisionale. In qualità di leader, potrai risolvere problemi a livello strategico e concettuale, ad esempio evidenziando gli obiettivi fondamentali dell'organizzazione e usando strategie di problem solving per identificare gli ostacoli che si pongono tra il tuo team e gli obiettivi che deve raggiungere.

  • Capacità di assumersi dei rischi. Avere un ruolo di leadership significa in parte sapere quando assumere dei rischi e quando aiutare i membri del team a farlo. I leader migliori mettono in discussione lo status quo per portare cambiamenti positivi all'interno dell'organizzazione.

quotation mark
Per me, un leader è un visionario. È quella persona che incoraggia e motiva gli altri e ne vede il potenziale. È quella persona che mette in discussione lo status quo e vuole portare cambiamenti positivi all'interno dell'organizzazione. Non importa quale il ruolo o la posizione, chiunque può essere un leader, basta essere determinati e mettersi in gioco.”
Theresa Sciole, Sales Manager per l'America del Nord, Asana

Come si fa a essere leader se non si è manager?

I leader ispirano e motivano le persone, indipendentemente dalla loro posizione nell'organigramma aziendale. È possibile trovare leader che non sono manager in qualsiasi azienda, ma soprattutto in aziende che hanno strutture organizzative decentralizzate. In un modello organizzativo decentralizzato, ci sono responsabili delle decisioni per ogni decisione, ma non sempre sono dei manager. Questi tipi di organizzazione traggono vantaggio dal lavorare ad alta velocità e dal coinvolgimento dei dipendenti e, come conseguenza del modo in cui questi team sono strutturati, tendono a incoraggiare la presenza di leader a ogni livello.

Leggi: Qual è la scelta giusta per la tua azienda? Prendere decisioni in tre diverse strutture organizzative

In Asana abbiamo creato un modello organizzativo decentralizzato, utilizzando le aree di responsabilità, che ci consentono di delegare le responsabilità per ogni area dell'organizzazione e fare in modo che tutto ciò che deve accadere all'interno dell'azienda accada. Inoltre, le aree di responsabilità offrono opportunità di crescita come leader ai membri del team che non occupano ruoli di management.

quotation mark
Per me, ‘manager’ indica un titolo lavorativo, mentre ‘leader’ indica uno stato mentale o un atteggiamento. Essere un manager non è un prerequisito per essere un leader efficace, ma i leader efficaci spesso sono manager di successo. In pratica, il titolo di manager definisce l'ambito del ruolo, ma l'impatto sul team è definito dalle sue capacità di leadership.”
Rahul Jiresal, Engineering Manager (Dispositivi mobili), Asana

Le qualità più importanti per un manager

Non tutti i manager sono leader, ma questo non è un problema. I buoni manager garantiscono trasparenza e danno una direzione ai membri del team. Rappresentano la spina dorsale del team e fungono da sistema di supporto per il lavoro di squadra e la collaborazione. Riprendendo l'analogia della barca, se i leader sono le persone che guardano all'orizzonte, i manager sono quelli che consultano la mappa. In qualità di manager, sei la persona che traccia il percorso e mostra ai membri del team come arriverete a destinazione.

Leggi: Quello che solo i manager possono fare per mantenere il coinvolgimento dei dipendenti

Di seguito troverai un elenco delle abilità fondamentali di un manager.

  • Feedback. I grandi manager si impegnano ad aiutare i membri per far sì che possano sviluppare le proprie abilità e uno dei metodi principali per farlo è fornire un feedback chiaro e costruttivo. Quando fornisci un feedback chiaro e rilevante, aiuti i membri del team a identificare opportunità di crescita. Inoltre, tramite sessioni di feedback e coaching, puoi guidarli nel trasformare quelle opportunità in punti di forza.

  • Sviluppo professionale. Oltre ad aiutare i membri del team a svolgere al meglio il proprio lavoro, i grandi manager supportano lo sviluppo professionale e della carriera di ogni membro del team. Questo potrebbe significare aiutare i membri del team a identificare il ruolo che vorrebbero occupare tra cinque anni o dar loro suggerimenti su come sviluppare alcune abilità.

  • Delegare. I bravi manager non sempre svolgono il proprio lavoro da soli, ma piuttosto delegano le attività da svolgere alle persone più indicate. Essere un manager non significa dire "Posso farlo io", ma dire "So qual è la persona più adatta per questo lavoro".

  • Organizzazione e pianificazione. Essere un buon manager significa sviluppare abilità di project management, ad esempio la capacità di organizzare e pianificare. Queste abilità ti aiuteranno a dare al team informazioni chiare sulle prossime attività e aiutarli se hanno bisogno di ridefinire le priorità o le scadenze.

  • Problem solving. Come i leader, i manager dovrebbero avere buone capacità di problem solving. Tuttavia, essere manager significa risolvere problemi in maniera diversa rispetto a un leader. Di solito, i manager usano il problem solving per aiutare a sbloccare un'attività, in modo che i membri del team possano svolgere al meglio il proprio lavoro. Questo potrebbe significare aiutare un membro del team a identificare una dipendenza che ostacola il lavoro o ripensare le priorità trimestrali se la cronologia di un progetto viene modificata.

  • Team building. I bravi manager riconoscono il valore di un team, non solo di una persona. Essere manager significa anche creare opportunità di team building. Ogni volta che puoi, crea delle situazioni per aiutare i membri del team a stabilire dei legami e incoraggiarli a conoscersi tra loro. Quando i membri del team si conoscono, si sentiranno più a loro agio a collaborare.

quotation mark
La leadership riguarda il futuro, mentre il management riguarda il presente. Un grande leader motiva gli altri a raggiungere risultati che non credevano possibili. Un grande manager, invece, porta trasparenza, fornisce feedback e aiuta il team a sviluppare le competenze e le abilità necessarie a svolgere il lavoro quotidiano.”
Bill Thanhouser, Web Experience Manager, Asana

Perché qualcuno vorrebbe essere manager ma non leader?

Ogni persona è diversa, e le posizioni di leader non sono per tutti. Concentrarsi sull'essere prima manager ha molto valore. I manager forniscono stabilità e fungono da guida e potrebbero non avere interesse a creare una visione d'insieme.

I manager sono addirittura più altruisti dei leader, nel senso che mettono il team davanti ai loro bisogni. I manager alla prima esperienza spesso notano quanto lavoro in più ci sia da fare. Questo succede perché, invece che concentrarsi e impegnarsi a svolgere al meglio il proprio lavoro, pensano costantemente a come fare da guida e da mentore ai membri del team nel miglior modo possibile.

Se hai appena ottenuto la posizione di manager, potrebbe essere d'aiuto impegnarsi per fare in modo che il tuo team abbia la migliore esperienza lavorativa e mettere lo sviluppo delle tue capacità di leader in secondo piano. Dopo tutto, il fatto di essere concentrati a sviluppare il proprio stile di management non significa che non ci si possa dedicare a sviluppare le qualità di leadership più avanti.

Leggi: Come questo stile di management può aiutarti a supportare il tuo team
quotation mark
Penso al lavoro di squadra come a una nave che si muove attraverso una lastra di ghiaccio di cui non si vede la fine. In questa metafora, la nave è il team, il ghiaccio rappresenta i possibili problemi da risolvere e la destinazione è sempre lontana e poco chiara. È compito di un manager capire cosa fare con il ghiaccio che viene rotto: dove metterlo, come influisce sul piano e sul team, ecc. Così come lo è chiarire la direzione in cui deve andare la nave e perché vale la pena rompere tutto quel ghiaccio per seguirla.”
Scott Carleton, NY Site Lead, Asana

Situazioni in cui management e leadership si sovrappongono

Leader e manager hanno una cosa fondamentale in comune: vogliono ciò che è meglio per il proprio team e per l'azienda. Di conseguenza, anche se a volte affrontano le situazioni in maniera diversa, leader e manager lavorano con lo stesso obiettivo in mente.

Leader e manager:

  • Collegano il lavoro agli obiettivi aziendali. Per fare in modo che un membro del team lavori al meglio, deve capire in che modo le sue attività quotidiane contribuiscono agli obiettivi del team e dell'azienda. Chiarire in che modo il lavoro si collega a questi obiettivi può aiutare i membri del team a gestire meglio le priorità per portare a termine le attività più importanti.

  • Danno valore alla comunicazione bilaterale. Che tu stia comunicando un obiettivo a tutto il team o creando un legame con un solo membro durante una riunione individuale, la comunicazione bilaterale rappresenta il metodo migliore per fare in modo che il tuo team si senta ascoltato e apprezzato. Per comunicare bilateralmente in maniera efficace, allenati a ottenere feedback, analizzare quello che senti e quindi passare all'azione.

  • Investono nello sviluppo del loro team. È possibile supportare e fare da mentore ai membri del team in molti modi. Leader e manager si impegnano entrambi ad aiutare il proprio team a lavorare al meglio, offrendo sessioni di mentoring e coaching, oltre ad avere conversazioni sullo sviluppo professionale e riunioni individuali.

quotation mark
Per me, un leader è qualcuno che ti aiuta a comprendere il quadro generale. Qual è la visione del team e in che modo tale visione si collega a un insieme più ampio di obiettivi e alla missione dell'organizzazione? Un manager è la persona che ti offre il supporto e la guida necessari per riuscire nel tuo ruolo e contribuire a trasformare in realtà quel quadro generale. A volte la stessa persona occuperà entrambi i ruoli all'interno di un team, altre volte saranno più persone. Ma entrambi i ruoli sono importanti per il successo di qualsiasi team.”
Jenny Thai, Head of Content, Asana

Tre differenze tra leader e manager

Leader e manager hanno molte cose in comune, ma spesso affrontano le situazioni in modi diversi. Di seguito elenchiamo tre situazioni che leader e manager potrebbero affrontare in maniera diversa per poter supportare al meglio il proprio team.

quotation mark
Anche se i leader e i manager hanno l'obiettivo di motivare le persone a svolgere un lavoro che sia d'impatto e a raggiungere risultati, i manager sono più interessati dagli aspetti operativi del percorso, mentre i leader sono concentrati a ispirare e motivare le persone a realizzare i propri obiettivi. Un'altra differenza principale è che i leader puntano continuamente a evolversi e a spingere per il cambiamento, mentre i manager spesso preferiscono cercare di mantenere lo status quo.”
Yevgeniya Davis, Head of Dedicated Customer Success, NAMER West, Asana

Creare e comunicare una visione strategica

Essere leader in un'azienda significa anche aiutare a definire e comunicare la visione strategica dell'azienda. Un recente sondaggio di oltre 6.000 knowledge worker ha scoperto che solo il 16% dei lavoratori crede che l'azienda in cui lavora abbia definito e comunicato gli obiettivi in maniera efficace. In qualità di leader, hai non solo il potere di definire gli obiettivi, ma anche di comunicarli a tutta l'azienda.

I leader pensano al quadro generale e poi lavorano per sviluppare obiettivi chiari su come realizzare la mission aziendale o la dichiarazione di visione. Questo include definire obiettivi aziendali trimestrali o annuali e comunicarli al team. Ad esempio, potresti definire l'obiettivo di ridurre il tasso mensile di abbandono dei clienti e fare in modo che sia inferiore all'1% prima della fine dell'anno.

Leggi: Non sai cos'è la pianificazione strategica? Comincia da qui.

I manager prendono quella visione strategica e la collegano al lavoro quotidiano del team. La posizione di manager ti incoraggia a chiarire in che modo le attività quotidiane dei membri del team contribuiscono agli obiettivi generali dell'azienda. Facendo quel collegamento, puoi aiutare e motivare il tuo team lungo il percorso che porta al raggiungimento degli obiettivi aziendali.

Per esempio, se la tua azienda ha definito l'obiettivo di ridurre il tasso mensile di abbandono dei clienti e fare in modo che sia inferiore all'1% prima della fine dell'anno, un manager puoi aiutare a collegare i progetti del team a quell'obiettivo. A volte, questo collegamento sarà ovvio: un membro del team potrebbe star lavorando al miglioramento del flusso del tasso di abbandono. A volte potrebbe non essere così ovvio. Ad esempio, un membro del team che sta migliorando la pagina relativa ai prezzi e al packaging sta contribuendo in maniera indiretta a questo obiettivo, aiutando i clienti a capire meglio per cosa stanno spendendo i propri soldi.

quotation mark
I grandi manager sono leader, ma non tutti i leader sono manager. I manager che sono anche leader motivano il team invece che dargli direzioni. Questi team raggiungono risultati migliori e si sentono co-creatori della soluzione invece che sentirsi semplici esecutori di un piano non collaborativo gestito dall'alto.”
Shannon McNeil, Customer Success Lead APAC, Asana

Fare in modo che le idee diventino realtà

I leader non si concentrano esclusivamente sull'esecuzione, ma anche sulle idee. La priorità di un leader è pensare al quadro generale e comunicare in che modo porterà valore a tutta l'azienda. Come parte di questo processo, dovresti allenarti a sviluppare idee e soluzioni relative a problemi generali.

I leader sono anche le persone che motivano il team a lavorare al meglio. Una volta che l'azienda ha deciso la direzione in cui andare (che tu abbia avuto voce in capitolo o meno), puoi essere un buon leader motivando i membri del team a capire il valore di quell'idea.

quotation mark
Per me, essere un leader significa avere la capacità di influenzare, istruire e guidare gli altri verso un risultato. I leader forniscono una visione e il loro successo è definito dal team, non da sé stessi.”
Chris Juliano, Head of Global Business Talent Acquisition, Asana

Al contrario, è compito del manager impegnarsi per far sì che le idee diventino realtà. Questo potrebbe significare definire gli staff dei progetti, distribuire risorse e creare un budget per raggiungere gli obiettivi. I manager supportano e guidano i propri team nel lavoro quotidiano. Sono le persone che in prima persona verificano i documenti e approvano i lavori. Fondamentalmente, un buon manager motiva i membri del team a portare a termine lavori di grande impatto.

Creare e supportare la cultura aziendale

La cultura aziendale è un ottimo modo per far sì che i membri del team si sentano coinvolti, supportati e motivati a lavorare al meglio. Investire nella cultura aziendale tramite attività di team building, opportunità di apprendimento e sviluppo e solidi flussi di lavoro per l'onboarding dei dipendenti può fare in modo che i membri del team si sentano più felici e coinvolti nell'azienda.

Leggi: Sei consigli dai leader di Asana per sviluppare una cultura organizzativa solida

Quand'è che leader e manager entrano in gioco? È compito di un leader aiutare a plasmare e creare la cultura aziendale. Come scrive Dustin Moskovitz, cofondatore e CEO di Asana: "In qualità di leader, so che è mia responsabilità dare l'esempio per la cultura aziendale". I leader decidono come vogliono che sia la cultura, la emulano e fondamentalmente motivano le persone a voler far parte della cultura aziendale e migliorarla.

quotation mark
I leader flessibili sono in grado di lavorare, fare da coach e motivare efficacemente gruppi di persone diverse. Adattano il proprio stile di leadership alle persone con cui lavorano, invece che avere un approccio unico.”
Amy Grimes, Corporate Sales Leader, Asana

Un manager, al contrario, è la persona che implementa le abitudini e le norme relative alla cultura. Inoltre, i manager hanno la responsabilità di rappresentare le necessità del team a livello organizzativo. Ogni volta che condividono un feedback, è loro compito inserirlo nei processi aziendali per fare in modo di migliorare la cultura aziendale. Ascoltare e risolvere il feedback relativo al team è un aspetto fondamentale di una sana cultura aziendale ma, secondo l'Indice anatomia del lavoro, solo il 15% dei knowledge worker si sente ascoltato dalla propria organizzazione.

Leggi: Come distribuire l'autorità a tutte le persone dell'azienda

Leadership e management a confronto: qual è il migliore?

Essere leader non è necessariamente meglio che essere manager, o viceversa. Puoi essere entrambe le cose oppure poi decidere di concentrarti a sviluppare le tue abilità prima in un'area e poi in un'altra. Decidere su quali qualità di leader concentrarsi dipende dalle necessità del tuo team e su come puoi aiutarli al meglio.

quotation mark
Per me, un leader è una persona che influenza positivamente chi lo circonda ad agire, seguire una direzione e raggiungere il successo. Un leader non deve avere un titolo professionale specifico, porta a svolgere un lavoro che sia d'impatto indipendentemente dalla propria posizione lavorativa.”
Nina Vogt, Manager, Customer Success EMEA, Asana

Sia i leader che i manager dovrebbero puntare a migliorare continuamente le proprie abilità di collaborazione e comunicazione. Prova questi undici semplici passaggi per migliorare la collaborazione del team.

Risorse correlate

Articolo

How risk mitigation can protect your company