Leadership situazionale: quattro stili e qualità

Immagine collaboratore team di AsanaTeam Asana27 maggio 20227 minuti di lettura
facebooktwitterlinkedin
Immagine del banner sull'articolo della leadership situazionale
Vedi modelli

Riepilogo

La leadership situazionale ricorda ai leader che sono al servizio del loro team e li incoraggia a prendere in considerazione l'unicità di ogni situazione quando scelgono un metodo di leadership. In questa guida esamineremo i quattro stili di leadership situazionale e come puoi utilizzarli per gestire al meglio i membri del tuo team.

I team leader sanno bene che non esiste una risposta univoca alle diverse situazioni sul campo. Per esempio, se il tuo team di marketing si trova ad affrontare un progetto particolarmente tecnico, il tuo ruolo sarà quello di coach, di guida del team in un territorio inesplorato, anziché limitarti solo a delegare attività. Se invece il tuo team si occupa di un progetto simile a quelli già affrontati in precedenza, puoi assumere un ruolo più defilato.

Essere un leader situazionale richiede di adattare il proprio stile di leadership alla situazione corrente. In questa guida esamineremo i quattro stili di leadership, e come puoi utilizzarli per creare un ambiente di lavoro flessibile e adattabile. 

Cos'è la leadership situazionale?

La leadership situazionale è uno stile di leadership in cui i leader prendono in considerazione il livello di preparazione dei membri dei loro team e l'unicità di ciascuna situazione. Paul Hersey e Ken Blanchard hanno sviluppato il modello della leadership situazionale nel 1969, mentre lavoravano alla gestione del comportamento organizzativo

Il leader situazionale riesce a far esprimere al meglio il suo team, creando un ambiente di lavoro democratico e promuovendo valori come adattabilità e flessibilità.

Come funziona la leadership situazionale?

L'approccio della leadership situazionale può aiutarti a sviluppare i rapporti personali con i membri del team, perché sarai in grado di personalizzare il tuo stile di leadership in base al loro livello di sviluppo. Ciascun membro del team richiede un livello unico di leadership pratica e basata sulla comunicazione. Spetta a te valutare le competenze, la maturità e la motivazione dei membri del tuo team, per determinare lo stile di leadership da applicare.

Tutti i membri del team differiscono per competenze, livello di maturità e di motivazione sul lavoro. Se utilizzi lo stesso stile di leadership per tutti, alcuni membri del team si sentiranno apprezzati, altri invece sottovalutati. Il metodo della leadership situazionale è flessibile e ti consente di personalizzare il tuo stile di leadership per rispondere alle esigenze di tutti.

Leggi: Teoria della contingenza di Fiedler: perché la leadership non è uniforme

Quattro stili di leadership situazionale

Puoi scegliere tra quattro stili di leadership situazionale, da applicare in base ai membri del tuo team e alle circostanze. Puoi riportare questi quattro stili di leadership su un grafico, per visualizzare il tuo livello di comportamento direttivo rispetto al tuo livello di comportamento di relazione. 

tipi di stili di leadership situazionale

Il comportamento direttivo è quando spieghi a un membro del team cosa fare, come farlo, dove farlo e per quando. Il comportamento di relazione si riferisce alla comunicazione con quel membro del team, quando lo ascolti attivamente e ne apprezzi i progressi nelle attività da svolgere. 

La combinazione tra un livello di comportamento di relazione e lo stesso livello di comportamento direttivo determina quale tipo di leadership situazionale stai applicando.

1. Dirigere

Lo stile di leadership situazionale numero uno è lo stile direttivo, altrimenti noto come guidare o prescrivere. In questo stile, il livello di comportamento direttivo è elevato, mentre il livello di comportamento di relazione è basso. Questo stile è molto efficace quando un membro del team richiede una supervisione ravvicinata da parte tua come leader, perché inesperto o dimostra poco impegno nell'attività da svolgere. 

Scenario: un nuovo membro si unisce al gruppo e ha un'esperienza limitata nell'invio di email promozionali ai potenziali clienti. Non sembra sufficientemente sicuro di riuscire a gestire il progetto da solo poiché è il suo primo progetto. In questo caso utilizzi lo stile di leadership situazionale direttivo per guidarlo attraverso tutte le fasi e accertarti che non commetta errori.

2. Coaching

Lo stile di leadership situazionale numero due è lo stile del coaching, altrimenti noto come vendere o spiegare. In questo stile, il livello di comportamento direttivo è elevato, e lo stesso vale per il livello di comportamento di relazione. Questo stile è molto efficace per i principianti pieni di entusiasmo, perché sarai in grado di osservarli e di sostenerli senza una supervisione ravvicinata.

Scenario: un membro del team desidera fare esperienza nel settore del social media marketing, anche se non vi ha mai lavorato prima. Anche se la sua esperienza è limitata, gli consenti di lavorare a un progetto per i social media, ma lo osservi per fargli acquisire esperienza. Al termine del progetto gli fornirai un feedback sulle sue prestazioni.

Leggi: La tua guida in sei passaggi per creare e gestire un calendario editoriale per i social media

3. Sostenere

Lo stile di leadership situazionale numero tre è lo stile del sostegno o del supporto, altrimenti noto come partecipare o facilitare. Questo stile è diverso dagli stili uno e due in quanto dipendente dai membri del team e caratterizzato da un livello di comportamento di relazione molto elevato e da un comportamento direttivo limitato. Utilizza questo stile se il membro del team ha le competenze necessarie per portare a termine l'attività, ma manca della fiducia o della motivazione necessarie per farlo con successo. In qualità di leader, puoi porre domande aperte per definire il problema e cercare di trovare una soluzione. 

Scenario: le prestazioni di uno dei membri più capaci del tuo team iniziano a calare di punto in bianco. Ti preoccupi perché sai che potrebbe rendere molto di più di quanto riesca a fare adesso. Applichi allora lo stile del sostegno o del supporto, e organizzi una riunione individuale con lui. Quando vieni a sapere che il problema è di tipo personale, lo ascolti e poi gli concedi un giorno libero per ricaricare le batterie prima di tornare al lavoro a pieno ritmo. 

Leggi: La guida del manager per prevenire il burnout all'interno del tuo team

4. Delegare

Lo stile di leadership situazionale numero quattro è quello del delegare, altrimenti noto come responsabilizzare o monitorare. Quest stile implica un basso livello di comportamento direttivo e un basso livello di comportamento di relazione, in quanto dipendente dai membri del team. Quando i membri del team sono autosufficienti, potrebbe essere necessario che tu ti faccia da parte per quanto riguarda il tuo ruolo di leader. Questo stile promuove la libertà dei membri del team e favorisce la fiducia tra i team. 

Scenario: un membro del team con il quale lavori già da alcuni anni ti dice che si sente in grado di portare a termine da solo uno dei progetti in programma. In base all'esperienza passata, sai che ha anche le competenze necessarie per riuscirci. Decidi che può lavorare liberamente, senza supervisione, sapendo che comunque verrà da te in caso di domande e per la revisione finale.

Le qualità del leader situazionale

Per avere successo come leader situazionale, è necessario essere flessibili. I leader che preferiscono attenersi a un solo stile di leadership non personalizzano il loro approccio in base ai membri del team. Come leader situazionale, è necessario adattare il tuo approccio situazionale per gestire ciascun singolo membro del team e lavorare sodo per dare un buon esempio.

Le qualità del leader situazionale

Perspicacia

I leader situazionali sono perspicaci e riescono a comprendere le necessità dei membri del loro team in qualsiasi situazione. Le persone perspicaci riescono a capire se i membri del team si sentono sicuri o insicuri, motivati o svogliati, e se sono in grado di gestire un'attività da soli o se invece hanno bisogno di assistenza. 

Flessibilità

I leader situazionali devono anche essere flessibili. Quando sai di cosa hanno bisogno i membri del tuo team, puoi adattare rapidamente il tuo stile di gestione per soddisfare tali esigenze. La flessibilità è essenziale, perché potresti avere membri del team che richiedono stili diversi di leadership situazionale. Spetta a te riuscire ad adattarti a ciascun singolo individuo. 

Affidabilità

L'affidabilità è una delle migliori e più ambite qualità di un leader situazionale. Se i membri del tuo team si fidano di te, è più probabile che abbiano successo sul lavoro. Puoi ottenere la fiducia dei membri del tuo team se ti impegni per favorire la comunicazione e promuovere relazioni positive. 

Capacità di risolvere i problemi

Più di ogni altra cosa, i leader situazionali eccellono nel problem solving e nel processo decisionale. Riuscire a riflettere e a pensare con lungimiranza per risolvere i problemi man mano che si presentano è una competenza di valore inestimabile. Avere buone idee, decidere rapidamente, utilizzare più stili di leadership: ecco la ricetta per guidare il tuo team al successo. 

Mentore e coach

Il coaching è il secondo stile di leadership situazionale, ma un buon leader situazionale dovrebbe sempre agire come coach del suo team. Dovresti essere in grado di incoraggiarlo e farlo crescere offrendo indicazioni per le attività di ogni giorno. 

Una volta sviluppate queste qualità, avrai la certezza di essere un buon leader e di star facendo tutto il possibile per sostenere il tuo team al meglio delle tue competenze.  

Leggi: Dare l'esempio: consigli di un leader di Asana

Pro e contro della leadership situazionale

Tutti gli stili di leadership hanno i loro vantaggi e svantaggi. Essere consapevoli degli svantaggi associati al tuo ruolo può aiutarti a diventare un leader migliore e a prevenire eventuali sfide ancor prima che si verifichino.

Pro e contro della leadership situazionale

Pro 

  • Migliora la produttività: un vantaggio della leadership situazionale è che riesce a migliorare la produttività generale dei membri del team. Ogni membro ha livelli di competenze e motivazioni diversi, e per questo l'utilizzo di una forma di leadership adattativa ti consente di valutare ciascuno di loro separatamente e massimizzarne il rendimento. 

  • Si concentra sui membri del team: il modello della leadership situazionale si concentra sui membri del team. Utilizzare lo stesso stile di leadership per tutti i membri del team equivale a considerarli tutti uguali. La leadership situazionale, invece, implica un serio impegno nei confronti di tutti i membri del team e offre a ciascuno di loro uno spazio per crescere.

  • Promuove la flessibilità: la leadership situazionale promuove la flessibilità perché la leadership viene modellata in base al livello di competenze, motivazione e maturità di ogni membro del team. I modelli di leadership meno flessibili possono non tenere in considerazione il livello di motivazione di ogni membro del team, ma la leadership situazionale deve essere flessibile per garantire un incremento della produttività.

Contro

  • Può generare confusione: uno degli svantaggi della leadership situazionale è che può creare confusione. La mancanza di uniformità dello stile di leadership può portare i membri del team a chiedersi cosa devono fare e quando. Per esempio, alcuni potrebbero trovarsi in difficoltà se una settimana ricevono assistenza e supporto completi per le loro attività, mentre la settimana successiva le attività vengono completamente delegate. La confusione può essere evitata semplicemente chiedendo ai membri del team quale stile di leadership situazionale preferiscono. 

  • Si concentra sugli obiettivi a breve termine: i membri del team che preferiscono concentrarsi su obiettivi a lungo termine potrebbero non apprezzare la leadership situazionale perché si concentra sugli obiettivi a breve termine. Quando si passa da uno stile di leadership all'altro, bisogna concentrarsi sull'attività in corso anziché sulle attività o sugli obiettivi pianificati con mesi di anticipo. I membri del team potrebbero sentirsi a disagio se non sanno quale stile di leadership verrà applicato la prossima settimana o il mese prossimo. Se i membri del tuo team necessitano di una pianificazione a lungo termine, potreste stabilire una base comune pianificando le attività in anticipo ed esaminando il tipo di leadership preferito per le attività in programma. Quando il tuo team sa che puoi cambiare gli stili di leadership in base alle necessità, si sentirà più tranquillo. 

  • La responsabilità ricade sui leader: la leadership situazionale addossa un enorme carico di responsabilità ai leader, che devono decidere quale stile applicare e quando. È un modello che alla lunga potrebbe diventare stressante, perché richiede di essere sempre flessibili e pronti ad adattarsi. Dovrai inoltre essere in grado di valutare le emozioni, le competenze lavorative e sociali altrui per determinare le loro esigenze in materia di leadership. 

Per rendere il carico più sopportabile, cerca di conoscere personalmente tutti i membri del tuo team. Quando li conosci bene, forse ti renderai conto che gli stili di leadership da applicare restano sempre gli stessi. Anche se ogni membro del team può richiedere una modifica occasionale dello stile, la maggioranza dei membri ha il suo stile di comunicazione preferito. 

Utilizza la leadership situazionale per soddisfare le esigenze del tuo team

La leadership situazionale è flessibile e adattabile. Puoi motivare il tuo team a raggiungere risultati migliori modificando il tuo stile di leadership per venire incontro alle loro esigenze. 

L'utilizzo di un software di gestione dei progetti può essere il modo ideale per monitorare il progresso dei membri del team e ottenere più informazioni sulle capacità di ciascun singolo individuo. Puoi anche utilizzare gli strumenti di gestione dei progetti per fornire feedback e promuovere un ambiente comunicativo.

Prova Asana per gestire i tuoi progetti

Risorse correlate

Ebook

Optimizing your organizational structure for stronger cross-team collaboration