Tutto quello che c'è da sapere sulla metodologia waterfall per la gestione dei progetti

Fotografia del viso della collaboratrice Sarah LaoyanSarah Laoyan5 ottobre 20216 minuti di lettura
facebooktwitterlinkedin
Immagine del banner dell'articolo Tutto quello che c'è da sapere sulla metodologia waterfall per la gestione dei progetti
Prova Asana ora

Riepilogo

La metodologia waterfall prevede una gestione sequenziale dei progetti, suddivisa in fasi distinte. Ogni fase inizia solo quando quella precedente è stata completata. Questo articolo spiega le fasi della metodologia e come può aiutare il tuo team a raggiungere i suoi obiettivi.

I project manager possono scegliere tra diverse metodologie di gestione dei progetti, ad esempio Agile, Kanban, Scrum e molti altri processi iterativi. 

E se il tuo progetto richiede un approccio più lineare? La metodologia waterfall prevede una gestione lineare del progetto, che può aiutare te e il tuo team a raggiungere obiettivi condivisi, un'attività o un traguardo alla volta. 

Cos'è la metodologia waterfall?

La metodologia waterfall prevede una gestione dei progetti sequenziale, in cui un progetto viene suddiviso in fasi distinte. Ogni fase inizia solo dopo che quella precedente è stata completata. 

Questo approccio alla gestione dei progetti è nato nell'industria manifatturiera e edile, dove ogni traguardo va completato prima che il processo di produzione possa andare avanti. Ad esempio, non puoi costruire i muri di una casa se non hai gettato le fondamenta dell'edificio. 

Anche se ha le sue origini nell'industria manifatturiera, la metodologia waterfall si è adattata per soddisfare le esigenze di tanti settori, tra cui quello dello sviluppo dei software. Ad esempio, questo è l'aspetto che può avere un progetto waterfall:

Metodologia waterfall per la gestione dei progetti

La metodologia waterfall ha spesso l'aspetto di un diagramma di flusso o di un diagramma di Gantt. Questa metodologia prende il nome di "waterfall" (che in italiano significa "cascata") poiché ogni attività "casca" nel passaggio successivo. In un diagramma di Gantt, puoi vedere la fase precedente "cascare" nella fase successiva.

Le sei fasi della metodologia waterfall

Ogni team può implementare la metodologia waterfall per la gestione dei progetti, ma è particolarmente utile per quei processi che devono svilupparsi in maniera sequenziale. Se il progetto a cui stai lavorando ha delle attività che possono essere completate contemporaneamente, prova un'altra metodologia, ad esempio Agile

Se vuoi iniziare a usare la metodologia waterfall, segui i sei passaggi che indichiamo di seguito. 

1. Fase di definizione dei requisiti

Questo è il processo iniziale di pianificazione, in cui il team raccoglie quante più informazioni possibili per far sì che il progetto abbia successo. Poiché nel metodo waterfall le attività sono dipendenti dai passaggi precedenti, è necessario essere previdenti. Il processo di pianificazione è una parte fondamentale del modello waterfall e, per questo motivo, la maggior parte del tempo del progetto viene spesso dedicato alla pianificazione.

Per fare in modo che questo metodo funzioni per te, crea un piano di progetto dettagliato, che spieghi ogni fase del progetto. Deve includere tutti gli elementi, dalle risorse necessarie ai membri del team che lavoreranno al progetto. Questo documento viene solitamente chiamato documento dei requisiti di progetto. 

Al termine della fase di definizione dei requisiti, dovresti aver delineato il progetto dall'inizio alla fine, tra cui:

  • ogni fase del processo

  • chi lavora in ogni fase

  • le dipendenze fondamentali

  • le risorse necessarie

  • una cronologia che illustri quanto tempo ci vorrà per ogni fase

Leggi: Come creare un piano di progetto veramente efficace

2. Fase di progettazione del sistema

Nel processo di sviluppo di un software, la fase di progettazione è il momento in cui il team specifica che tipo di hardware verrà utilizzato e altre informazioni dettagliate, ad esempio il linguaggio di programmazione e l'interfaccia utente. 

La fase di progettazione del sistema è suddivisa in due passaggi: la fase di progettazione a livello generale e la fase di progettazione a livello specifico. Nella fase di progettazione a livello generale, il team crea lo scheletro del software, definendone il funzionamento e il modo in cui si accederà alle informazioni. Durante la fase di progettazione a livello specifico, il team realizza le parti più specifiche del software. Se la fase di progettazione a livello generale è lo scheletro, la fase di progettazione a livello specifico rappresenta gli organi del progetto. 

I membri del team che usano la metodologia waterfall durante il processo di sviluppo dovrebbero documentare ogni passaggio, in modo che il team possa fare riferimento a ciò che è stato fatto, mano a mano che il progetto avanza.

3. Fase di implementazione

Questa è la fase in cui tutto viene messo in pratica. In base al documento dei requisiti stilato nella prima fase e al processo di progettazione del sistema della seconda, il team inizia il processo completo di sviluppo per realizzare il software delineato nella fase dei requisiti e in quella di progettazione del sistema.

Leggi: Piano di implementazione: cos'è e come crearne uno in sei passaggi

4. Fase di test

Questa è la fase in cui il team di sviluppo passa il progetto al team che ne testerà la qualità. I tester cercheranno bug ed errori che andranno risolti prima di implementare il progetto. 

I tester dovrebbero documentare in maniera dettagliata tutti i problemi sorti durante il controllo qualità. Nel caso in cui un altro sviluppatore trovasse un bug simile, potrà fare riferimento alla documentazione precedente per risolvere il problema. 

5. Fase di distribuzione

Per i progetti di sviluppo, questa è la fase in cui il software viene distribuito agli utenti finali. In altri settori, è la fase in cui il deliverable definitivo viene lanciato e distribuito ai clienti finali. 

6. Fase di manutenzione

Una volta che il progetto è stato distribuito, potrebbe essere scoperto un nuovo bug o potrebbe essere necessario un aggiornamento del software. Questa situazione è conosciuta come fase di manutenzione, e nel settore dello sviluppo software è comune lavorare continuamente su questa fase.

Quando usare la metodologia waterfall

La metodologia waterfall viene spesso utilizzata per la gestione dei progetti, poiché consente di pianificare in maniera accurata e di documentarsi in maniera dettagliata. Tuttavia, non è adatta a tutti i tipi di progetto. Di seguito elenchiamo alcuni esempi in cui è preferibile usare questo metodo. 

Il progetto ha un obiettivo finale ben definito

Uno dei punti di forza dell'approccio waterfall è il fatto che definisce un percorso chiaro che va dal punto A al punto B. Se non sai quale sia il tuo punto B, probabilmente è meglio ricorrere a una gestione dei progetti iterativa, ad esempio l'approccio Agile. 

I progetti che hanno un obiettivo ben definito sono più adatti alla metodologia waterfall, poiché i project manager possono lavorare a ritroso a partire dall'obiettivo per creare un percorso chiaro e dettagliato, che includa tutti i requisiti necessari.

Leggi: Come formulare un obiettivo di progetto efficace (con esempi)

Nessun limite di budget o tempo

Se il tuo progetto non ha limiti di budget o tempo, i membri del team possono dedicare quanto più tempo possibile alla fase di definizione dei requisiti e a quella di progettazione del sistema. Possono modificare e adattare le necessità del progetto quanto vogliono, finché non ottengono un piano di progetto preciso e definito.

Creare processi ripetibili

Il modello waterfall richiede l'elaborazione di documenti durante quasi tutte le fasi del processo. In questo modo, un nuovo membro del team potrà ripetere facilmente il progetto; ogni passaggio è spiegato nei minimi dettagli, in modo che il processo sia ripetibile.

Creare processi ripetibili semplifica la formazione dei nuovi membri del team e spiegare loro cosa devono fare esattamente in progetti simili. Ciò rende il processo waterfall un approccio efficace alla gestione dei progetti nell'ambito dei processi di standardizzazione.

Leggi: Le cinque fasi della gestione dei progetti per ottimizzare il flusso di lavoro del tuo team

Vantaggi della metodologia waterfall

Tornare sui propri passi è facile se la documentazione è coerente

Quando implementi il processo waterfall, crei documenti in ogni sua fase. Questo può portare vantaggi: se il tuo team deve tornare sui propri passi, può identificare facilmente gli errori commessi. È inoltre un ottimo metodo per creare processi ripetibili che possono essere seguiti dai nuovi membri del team, come spiegato in precedenza. 

Monitorare i progressi è facile

Puoi facilmente monitorare i progressi relativi al progetto trasferendo un progetto waterfall in un diagramma di Gantt. La cronologia funge da barra di avanzamento, quindi è facile capire a che punto è il progetto.

[Vista Cronologia] Progetto per il lancio dell'app per dispositivi mobili su Asana

I membri del team possono gestire il tempo in maniera efficiente

Poiché la metodologia waterfall richiede molta pianificazione durante la fase di definizione dei requisiti e in quella di progettazione, per gli stakeholder diventa facile stimare quanto tempo ci vorrà per completare la loro parte del processo waterfall.

Leggi: Diciotto suggerimenti per la gestione del tempo, strategie e soluzioni rapide per ottenere il massimo dal tuo lavoro

Svantaggi del modello waterfall

Gli ostacoli possono influenzare drasticamente le tempistiche

La metodologia waterfall è lineare per natura. Di conseguenza, se si presenta un ostacolo o se l'attività viene ritardata, l'intera cronologia viene spostata. Ad esempio, se un fornitore terzo è in ritardo sulla spedizione di un pezzo specifico che deve essere ricevuto dal team di produzione, l'intero processo va messo in pausa fino al ricevimento del pezzo.

L'avanzamento lineare può rendere difficile tornare sui propri passi

Uno degli ostacoli più grandi della metodologia waterfall è la difficoltà a ritornare a una fase precedente se questa è già stata completata. Ad esempio, se qualcuno sta dipingendo le pareti di una casa, non può tornare indietro e aumentare le dimensioni di una delle stanze. 

Il controllo qualità avviene troppo avanti

In confronto ad alcune metodologie di gestione dei progetti più iterative, ad esempio Kanban e Agile, nell'approccio waterfall la fase di revisione avviene più avanti nel processo. Se un errore è stato commesso all'inizio, può essere difficile tornare sui propri passi e risolverlo. Poiché il metodo waterfall funziona così, non dà molto spazio alle iterazioni o alla ricerca della soluzione migliore.

Leggi: Qual è la differenza tra le metodologie waterfall, Agile, Kanban e Scrum?

Gestire il tuo progetto waterfall

Nei progetti waterfall ci sono tanti aspetti in evoluzione e membri del team da tenere sotto controllo. Uno dei metodi migliori per restare sulla stessa lunghezza d'onda è usare un software di gestione del lavoro, in modo da gestire in un unico posto flussi di lavoro, cronologie e deliverable. 

Se vuoi provare la metodologia waterfall con il tuo team, prova Asana. Puoi visualizzare i progetti in tanti modi diversi, tra cui la vista Cronologia, che permette di visualizzare il tuo progetto come una cronologia lineare.

Prova Asana per gestire i tuoi progetti

Risorse correlate

Articolo

Do more with less: How to improve operational efficiency