I punti ciechi dell’IT: comprendere i reparti in grado di decidere le sorti un’azienda

rebecca hindsRebecca Hinds
2 gennaio 2024
2 minuti di lettura
facebookx-twitterlinkedin
 Immagine del banner dell’articolo sulla collaborazione interfunzionale nel settore IT
Vedi modelli

Negli ultimi tre anni, i CIO, i CTO e altri leader IT sono riusciti a malapena a riprendere fiato. Ma nonostante le continue sfide, molti leader hanno finalmente la possibilità di fare una pausa. E mentre rallentano, hanno notato che c’è qualcosa che non va.

Una recente ricerca di The Work Innovation Lab, in collaborazione conFirstbase, leader nel settore della gestione flessibile delle attrezzature di lavoro per lavoratori remoti e ibridi, e Sierra Ventures, una società di venture capital in fase iniziale che investe nel futuro della tecnologia aziendale, si concentra sulle sfide che i leader IT stanno affrontando e su come, di fronte a questi cambiamenti, il ruolo si sta evolvendo.

Da questa ricerca, svolta intervistando oltre 500 professionisti e leader IT, è emerso quanto segue.

  1. La collaborazione interfunzionale sta aiutando i leader IT ad aumentare il fatturato. Circa i due terzi (64%) di tutta la collaborazione interna dei team IT sono interfunzionali. Solo il reparto risorse umane e l’ufficio legale hanno livelli di collaborazione interfunzionale più elevati.

  2. La leadership IT è fondamentale per la strategia aziendale. La nostra ricerca ha dimostrato che a quasi la metà dei leader IT viene oggi chiesto di fornire consulenza sulla pianificazione strategica più spesso rispetto a sei mesi fa.

  3. Strumenti adeguati, automazione e utilizzo dell’IA sono fattori chiave per l’efficienza dei leader IT. I nostri intervistati hanno indicato l’IA o l’automazione come la loro scommessa più grande (l’investimento che si aspettavano avesse un impatto più positivo sulla loro azienda) nel 2023 rispetto a qualsiasi altra cosa.

  4. In questo momento, per i leader il miglioramento dell’esperienza digitale dei dipendenti è una priorità assoluta. Abbiamo scoperto che le aziende che hanno raggiunto o superato i loro obiettivi legati all’IT nel 2022 erano più propense a considerare come importante o molto importante l’investimento nell’esperienza digitale dei dipendenti.

  5. La sperimentazione sta prosperando. I migliori leader IT non hanno paura di fallire. Semmai, hanno paura di non farlo: la maggior parte dei dirigenti IT senior ha affermato di rimpiangere di non aver sperimentato di più.

Sebbene i professionisti IT stiano lavorando in modo più interfunzionale, non sempre è semplice. Più della metà dei dirigenti IT senior intervistati si è sentita stressata almeno una volta alla settimana a causa del lavoro interfunzionale. 

Questo stress potrebbe derivare in parte da incomprensioni. In particolare, i professionisti IT faticano a comprendere le priorità aziendali dei settori legale, finanziario e delle risorse umane. 

Tuttavia, la collaborazione interfunzionale con questi team è fondamentale per ottenere risultati aziendali. I team IT devono collaborare con i team legali per comprendere e affrontare le minacce alla sicurezza informatica. Con i team finanziari devono essere in grado di allinearsi in materia di budget e discutere su come rimanere snelli in ambienti macroeconomici difficili. E devono collaborare con le risorse umane per migliorare l’esperienza digitale dei dipendenti.

Tutto sommato, la nostra ricerca ha dimostrato che essere un leader IT nel panorama aziendale odierno in continua evoluzione comporta molte sfide. Tuttavia, il ruolo è più importante che mai per le aziende, e i leader IT delle aziende con i risultati migliori forniscono un valore incomparabile all’intera organizzazione.

Per saperne di più su quali sono le sfide specifiche che i leader IT devono affrontare oggi e su cosa fanno di diverso i migliori, leggi il prossimo report sullo stato del settore IT di The Work Innovation Lab, che sarà pubblicato a giugno 2023.